Life

Anno nuovo, vecchie tradizioni

Finalmente è giunto l’anno nuovo, con sè ha portato le vecchie tradizioni. In fondo a noi piacciono così tanto le nostre amate abitudini; non abbiamo particolari richieste da avere soddisfatte.

Questa nello specifico è stata una fine ed un inizio molto piacevole, l’abbiamo trascorsa con amici; abbiamo mangiato, brindato, i bambini hanno giocato insieme … era talmente idialliaco che non mi sono nemmeno accorta che fosse già passata mezzanotte. Meglio così: tanta energia positiva da investire in questi nuovi mesi a venire. Del fatto che i bambini si siano coricati alle 03.30 ancora pieni di energia: forse è meglio non parlarne!

Fino a qualche anno fa, mi piaceva molto programmare cosa avrei fatto nei mesi successivi, poi in particolare con l’arrivo dei bambini, i programmi andavano sempre a rotoli, quindi diciamo che mentalmente tengo uno schema piuttosto approssimativo, che ovviamente si modifica di giorno in giorno. Spesso del mio schema di partenza non rimane nemmeno più l’ombra alla fine dell’anno.

E allora procediamo spediti con l’istruzione parentale, a breve manderemo comunicazione per il prossimo anno, manteniamo la rotta portando avanti i nostri obiettivi, ci iscriviamo a laboratori che alle volte piacciono più ai grandi che ai piccoli. Creiamo oggetti, dipinti, giochi, filastrocche … tutto ciò che ci rende felici.

Troviamo nuovi progetti a cui dedicarci, posizioniamo gli ultimi 5 libri acquistati (anche se veramente il numero si aggira intorno alla ventina) in posti che siano a portata d’occhio, in modo che ci invoglino a posare lo smartphone e sederci sul divano per leggerne qualche brano; così i bambini emuleranno!

Ci dedichiamo di più alle amicizie, perché il tempo destinato agli amici è decisamente ben speso, anche se poco è sempre di qualità. Infine escogitiamo nuovi modi per trascorrere del tempo in famiglia, ci promettiamo di preferire un gioco di società ad un film Marvel, promettiamo ai bimbi di spegnere telefoni e PC per dedicarci esclusivamente a loro.

Che poi alla fine basta così poco per trascorrere un anno in serenità: mantenendosi radicati e nella fiducia, il resto verrà da sè. Mens sana in corpore sano: loro sì che la sapevano lunga. NB sembra facile: ma è decisamente la cosa più impegnativa al mondo!

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *