Istruzione Parentale

Decimali di cioccolato: frazioni e leccornie

Oggi siamo di frazioni e finché si tratta di pizza è tutto abbastanza semplice, ho una pizza divisa in 8 pezzi ne mangio 3 come scrivo questa frazione? E se ne mangio 4? E se me la finisco? … ok perfetto ci siamo … poi ci sono le frazioni decimali e lì diventa più complicato, sposta lo zero, metti la virgola… ‘Mammaaaa! Non capiscoooo!’ ed è in arrivo la frustrazione in treno espresso su binario 1, fine dei giochi.

Perfetto bene: prendiamo due barrette di cioccolato già divise in cubetti che adesso ti spiego le frazioni e nel frattempo tiriamo su il morale e l’energia!

Faticoso, è estremamente faticoso trovare soluzioni alternative per far comprendere procedimenti che per noi sono scontati, poiché soprattutto con la matematica noi adulti arriviamo direttamente alla conclusione senza ricordare come abbiamo fatto in passato ad assimilare il metodo.

Quindi in questi anni abbiamo usato: i ceci, i fusilli, la farina, le uova, l’olio, le mollette per stendere, perfino i Lego … insomma ci siamo creati i nostri strumenti alternativi per meglio comprendere come funziona in particolar modo la matematica e la geometria.

Perciò per merito di una torta impariamo: le unità di peso, le divisioni e le moltiplicazioni, i testi regolativi e la loro composizione, gli stati della materia, i materiali e perfino gli ecosistemi, e se la ricetta è stata tramandata di generazioni ci imbattiamo anche in una fonte storica.

In conclusione quella che impara più di tutti sono io, che non smetto mai di stupirmi su come la vita quotidiana ti offra spunti di lavoro e meraviglia; poca noia e tanta curiosità, e si finisce sempre sgranocchiando!

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *