Istruzione Parentale

Esami che passione! Anche quest’anno è andata…

Allora diciamocelo: esami che passione! Anche quest’anno è andata… Abbiamo finito!

Non vedevo l’ora di dirlo in effetti. Ieri i bimbi hanno sostenuto le loro idoneità.

La settimana che l’ha preceduta è stata davvero tosta. In realtà le tre settimane che hanno preceduto l’esame sono state impegnative!

Siamo partiti con le agitazioni, sfociate in malanni con febbroni, proseguite con crisi di nervi … ma alla fine martedì 28 alle ore 08 eravamo seduti nell’aula della scuola che per i due anni precedenti aveva ospitato il maggiore a svolgere l’idoneità.

Quest’anno due dei miei tre bambini si accingevano ad affrontare questa prova. Il maggiore ‘veterano’ alla terza idoneità, ha patito un po’ di più, molte cose da ricordare e la preoccupazione di non farcela.

Il mezzano invece carico a pallettoni, non ha mai avuto un momento di esitazione, mai avuto un sussulto; determinato come non l’avevo mai visto prima. Gli scritti che, vista le velocità di esecuzione, si sono evoluti in un orale di inglese, storia e geografia, prima del previsto.

Il maggiore con degli scritti molto più impegnativi, in cui ha saputo affrontare un momento di difficoltà egregiamente, riuscendo in autonomia a ritrovare il controllo di se stesso e ripartire. Nell’orale ha raccontato di un progetto di storia che l’ha appassionato tantissimo riuscendo a stupire le maestre con i suoi lavori.

Erroneamente ero un po’ preoccupata, loro hanno caratteri molto diversi. Il mezzano a differenza del primo che parlerebbe anche con i sassi, è sempre stato più selettivo. Poi nell’ultimo anno ha iniziato a cambiare, ha iniziato a parlare anche con persone mai viste prima.

Credo che la sua anima sapesse che stava andando incontro ad un grande cambiamento e così ha iniziato a trasformarsi. Una trasformazione utilissima ad affrontare il momento di un esame in cui avrebbe dovuto parlare con delle maestre mai viste prima che nulla sapevano di lui.

Per me è un grande onore crescere assieme ai miei bambini, sono grata di tutti gli insegnamenti che mi propongono ogni giorno, delle sfide a cui devo far fronte, delle trasformazioni a cui mi sottopongo ogni volta che mi rendo conto di essere decisamente meno evoluta di loro.

Li guardo negli occhi, li vedo crescere sicuri, li vedo cambiare, vedo l’assenza di giudizio nei loro gesti, nelle loro apparenti cadute che sanno trasformare in grandi insegnamenti.

Ringrazio questa vita che mi ha dato la possibilità di essere madre di queste tre luminosissime anime, che mi spingono ad essere sempre di più e sempre meglio.

Adesso finalmente possiamo rilassarci e pensare alle vacanze, al riposo, a goderci il calore di queste meravigliose giornate estive.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *