Famiglia

Natale: magia, addobbi, luci … distruzione!

Il Natale, le luci, l’atmosfera … l’albero … Uh per carità l’albero! Come vuole la tradizione a dicembre (qualcuno pure a novembre) addobba casa e albero … Quando i bambini non hanno capacità di deambulare è un momento bellissimo: interminabili ore di silenzio in cui quei cuccioli d’uomo guardano estasiati le lucine cambiare combinazione, meraviglia e silenzio, momenti che non torneranno mai più, credo forse quando loro diventeranno maggiorenni, ma non avendo esperienza diretta posso solo ipotizzare. Prosegue con la crescita del bambino la distruzione degli addobbi natalizi, quando il bambino inizia a gattonare passerà le intere giornate a staccare e lanciare le palline, si attaccherà ai fili delle luci e ci decorerà i piedi o la testa, tipo le corna di Rudolf.

La mia terza figlia a 4 mesi si spingeva con i talloni fino sotto l’albero per poi prendere le decorazioni e assaggiarle, aveva una predilezione per quelle di legno credo pensasse fossero massaggia gengive!

Il meglio, per una maniacale come la sottoscritta, viene quando i figli sono abbastanza grandi da voler partecipare anche loro alla decorazione dell’albero, sono un pochino più grandi ma non così grandi da raggiungere un’altezza adeguata per gli addobbi; ne consegue una quantità indefinibile di ornamenti tutti concentrati nei rami più bassi, lasciando i rami più in alto completamente spogli; l’anno scorso ho contato ben 10 orsetti solamente su un ramo, perciò durante un loro momento di distrazione mi sono dovuta ingegnare a spostare tutto. Immagino a questo punto che non ci sia molta differenza tra un gatto e un bambino nel rapporto con l’albero di Natale. Potrei anche parlare di come per le successive due settimane ci sia un continuo cambio posto di palline, stelline o piccole renne, e te ne accorgi perché vige il silenzio più totale rotto solamente dal tintinnio rimbalzante di una malcapitata pallina.

Ho potuto assistere a delle ottime scene anche con i presepi: i piccoli che dapprima tentano un approccio docile giocherellando con pecorelle e pastorelli, facendo sparire Gesù bambino, poi finiscono entrandoci direttamente dentro sparecchiando tutto a calci … i bambini grandi invece sono più creativi ho visto dei T-Rex attaccare il villaggio che veniva coraggiosamente difeso da Ironman in compagnia di Thor e Cap. America, mentre un gruppo di Gormiti di supporto alle Winx evacuava l’intero caseggiato.          

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *